RESOCONTO DEL SENATO DEL 16 GIUGNO

A cura di Davide Lo Prinzi

In collaborazione con il Comitato degli iscritti FLC-CGIL Università degli studi di Milano

La seduta “fiume” è durata più di 5 ore. La discussione ha toccato marginalmente anche la richiesta dell’Amministrazione di riaprire in presenza alcuni servizi come CASLOD, segreterie studenti e biblioteche. Il Rettore ha puntualizzato che, in quanto materia sindacale, l’argomento non potesse essere approfondito in Senato. Mi sono limitato a far notare una disparità di trattamento: la normativa vigente, già dal 18 maggio, prevede che gli esami possano essere svolti in presenza; presenza che alla docenza però in UniMi al momento non viene richiesta. Al termine della seduta, un rappresentante degli studenti ha espresso la richiesta di una riapertura totale delle biblioteche.

UCCELLACCI & UCCELLINI

Ci mancava solo che ci dicessero: “E’ finita la pacchia!”.

Nelle ultime settimane l’ex professore e senatore pensionato Pietro Ichino e il sindaco Sala si sono contraddistinti per affermazioni forti: a dire del primo, per molti lavoratori, il lavoro a distanza sono state di fatto delle vacanze, per l’altro invece: “sarebbe ora di tornare a lavorare”, come se a distanza non si lavorasse davvero.

DIFFAMA ET IMPERA

5 anni fa venne imbastita una campagna mediatica sui “furbetti del cartellino”, e i TG mostrarono in modo ossessivo le immagini di un vigile sanremese che timbrava in mutande. Ora, dopo essere stato licenziato e addirittura arrestato, il vigile è stato assolto. Ecco la spiegazione dei suoi comportamenti, con le parole del suo avvocato:

RESOCONTO DEL SENATO DEL 12 MAGGIO

A cura di Davide Lo Prinzi

In collaborazione con il Comitato degli iscritti FLC-CGIL Università degli studi di Milano

Il Rettore in apertura di seduta ha confermato al Senato che la “fase 2” per l’emergenza coronavirus dovrebbe proseguire con le modalità attuali fino al 31 luglio. Bisognerà comunque seguire le future indicazioni che arriveranno dal Governo e dalla Regione. Per quanto riguarda il personale tecnico, amministrativo e bibliotecario (T.A.B.), la presenza in ufficio in questi primi giorni di “fase 2” è stata mediamente non superiore al 13%.

FASE 2 – CHIARIMENTI E RISULTATI IMPORTANTI

Riportiamo a seguire, in sintesi, le garanzie ottenute per la fase 2:

ROTAZIONE DEL PERSONALE

la rotazione del personale in presenza non sarà fatta su piccole strutture, ma a livello di direzione, dipartimento e ove possibile anche per accorpamenti di più strutture, in questo modo non ci dovranno essere colleghi penalizzati a causa delle modeste dimensioni della struttura di appartenenza;

PRINCIPI DI CAUTELA

Errori da non ripetere

“Tutti coloro che non imparano dal proprio passato sono condannati a riviverlo”

Governatori, opinionisti, virologi e comuni cittadini si sono interrogati su cosa sia andato storto nella gestione del COVID-19. Inizialmente sono state accusate le persone che correvano nei parchi, poi chi andava a fare la spesa una volta di troppo e infine abbiamo appreso che la prima settimana di marzo, il tasso di contagio era di uno a cinque, già, una persona ne poteva contagiare cinque, mentre quasi tutti eravamo obbligati a raggiungere il nostro posto di lavoro ed eravamo costretti a prendere treni e metropolitane, forse non con il solito effetto sardina, ma sicuramente non potendo rispettare la distanza di sicurezza.

RESOCONTO DEL SENATO DEL 15 E 16 APRILE

A cura di Davide Lo Prinzi in accordo e collaborazione con il Comitato degli Iscritti – FLC CGIL – Università degli Studi di Milano

La salute è la cosa più importante e viene prima di tutto: ma se il virus nuoce alla salute del corpo, il distanziamento sociale nuoce a quella dell’anima. In questa situazione di smarrimento, la speranza è sempre la stessa: che questa emergenza finisca il prima possibile.

RESOCONTO DEL SENATO DEL 31 MARZO

A cura di Davide Lo Prinzi

“Il tempo si è fermato”, per citare il titolo del primo lungometraggio del grande Ermanno Olmi: è questa la mia sensazione (e, immagino, di molti di voi) in certi momenti della necessaria quarantena che stiamo vivendo. In realtà l’attività del Senato Accademico procede speditamente con il ricorso a sedute in video conferenza, così come altrettanto efficacemente procede il lavoro da remoto della maggior parte del personale tecnico, amministrativo e bibliotecario (T.A.B.).

RESOCONTO DEL SENATO DEL 26 FEBBRAIO E DEL 17 MARZO

A cura di Davide Lo Prinzi

Sono giorni difficili: sembra non finiscano mai. La preoccupazione per la salute di tutti, in particolare di chi è più debole, si aggiunge alle difficoltà causate dai necessari provvedimenti di restrizione delle libertà individuali: provvedimenti che, in Italia, nessuno stato democratico aveva mai adottato.

DIFENDI I TUOI DIRITTI – ISCRIVITI ALLA FLC CGIL!

Care colleghe, cari colleghi,
il 2019 è stato un anno molto intenso dal punto di vista sindacale e gli 8 accordi sottoscritti sono la dimostrazione che con impegno e perseveranza è possibile raggiungere obiettivi importanti. Ma l’attività sindacale in un grande Ateneo come il nostro non è fatta solo di contrattazione, ma anche di tante piccole cause individuali che un numero esiguo di colleghi segue dedicando il proprio tempo e le proprie energie con spirito volontaristico. È quindi fondamentale che l’attività di questi colleghi venga legittimata e rafforzata attraverso l’adesione di sempre più lavoratori al sindacato, perché la nostra unica vera forza è l’unità.

In allegato trovate il modulo da compilare e da recapitare sottoscritto a questo indirizzo di posta o, in originale, alla delegata per il nostro Ateneo: Sara Carrapa – Via Sant’Antonio 12.

RESOCONTO DEL SENATO STRAORDINARIO DEL 5 FEBBRAIO

A cura di Davide Lo Prinzi

Procede la discussione sul Regolamento Generale in Commissione Regolamenti. Ricordo che nel testo verranno definite le modalità di elezione del rappresentante del personale tecnico, amministrativo e bibliotecario (T.A.B.) in Consiglio di Amministrazione (C.d.A.), organo nel quale al momento non siamo rappresentati.

AUTOSTRADE PER CHI?

La privatizzazione delle autostrade italiane è stata fallimentare, e oggi ben pochi riescono a sostenere il contrario. O meglio, è stata fallimentare per tutti tranne per chi ha intascato i lauti profitti garantiti dal regime di semi monopolio e dalla continua benevolenza da parte dei governi di vari colori che si sono succeduti. Si tratta, infatti, dell’ennesima storia bi-partisan: la privatizzazione venne decisa nella seconda metà degli anni Novanta dal governo Prodi (che detiene tuttora il record delle privatizzazioni italiane), realizzata dal successivo governo D’Alema, ma fu poi Berlusconi ad affidarne gran parte della gestione alla famiglia Benetton e, poi, a varare la “legge salva-Benetton” per permettere alla famiglia di evitare controlli e revisioni tariffarie. Fu poi Gentiloni a prorogare la concessione fino al 2042 (!).

RESOCONTO DEL SENATO DEL 14 GENNAIO

A cura di Davide Lo Prinzi

La seduta del Senato è stata preceduta dalla Commissione Regolamenti. Come ricorderete, il nostro nuovo Statuto era stato inviato al Ministero (recentemente scisso dal Governo in Scuola da una parte ed Università e Ricerca dall’altra) il quale ha fornito i propri rilievi chiedendo, una volta che sarà approvato dal Senato, anche l’invio del nuovo Regolamento Generale d’Ateneo già in fase di discussione in questi mesi.

RESOCONTO DEL SENATO DEL 10 DICEMBRE

A cura di Davide Lo Prinzi

La seduta fiume è terminata in tarda serata ed è stata preceduta dalla Commissione Regolamenti nella quale si è discusso della possibilità di individuare o meno un numero massimo dei docenti afferenti al dipartimento (prima fissata in 90 ed ora eliminata nel nuovo Statuto) in modo che in futuro più dipartimenti possano ricostituirsi fondendosi: la discussione procederà in gennaio.